• Ti piacerebbe partecipare?

    Le storie contano!

    Le storie ci dicono cosa è importante nella vita di qualcuno e cosa fa la differenza per qualcuno. Ecco perché vi chiediamo di condividere le vostre storie sulla cura e sulla cura in tempi di Covid-19. Potrebbe riguardare un'esperienza che ha vi ha coinvolto o qualcosa che avete ritenuto importante nei mesi scorsi.

     

    Vi chiediamo di raccontare questa esperienza in un testo, che può essere lungo o breve come ti piace, e di condividerlo con noi. Dopo questo, vi faremo un paio di domande su questa storia e alcuni dettagli demografici (ad esempio età, paese). Puoi condividere la tua storia qui.

     

    Sulla base delle vostre risposte, possiamo confrontare le storie. È possibile condividere una storia, ma si può sempre tornare al sito web per condividere più storie. Le tue storie saranno utilizzate in modo anonimo per capire meglio come sono erogati i servizi di cura e come la cura si possa essere modificata durante Covid-19. Useremo anche le vostre storie in modo anonimo per formare (in futuro) professionisti di curanell’ambito della capacità di ascolto, comprensione e basandole sullei storie che contano.

  • Cosa facciamo

    La nostra ambizione

    Il nostro obiettivo è fare delle esperienze e delle storie che le riguardano il cuore di come organizziamo, forniamo e decidiamo cura e cura.

    Le storie ci aiutano a prendere decisioni che sono vicine al cuore dei pazienti e di coloro che sono loro vicini. Le storie facilitano l'assistenza centrata sulla persona, quindi rafforzando l'impegno del paziente, promuovendo la reciprocità nella relazione di cura e aiutano la comunicazione tra le diverse discipline. Le storie sono modi in cui diamo senso alle nostre vite e collochiamo le nostre esperienze. Vi invitiamo a rendere le storie dei pazienti le storie che ci interessano.

    Il nostro progetto

    In questo progetto ci proponiamo di raccogliere racconti (esperienze) di adulti più anziani e di coloro che li sostengono (sia professionalmente che coloro che sono vicini a loro) durante la crisi COVID-19. Chiediamo a questi individui di condividere le loro esperienze: cos'è stato qualcosa di memorabile? o un'esperienza quotidiana? Queste storie raccolte saranno utilizzate in modo anonimo per capire e aiutare a migliorare le pratiche di cura intorno a COVID-19. Le storie saranno anche utilizzate in modo anonimo per formare (futuri) professionisti sanitari, permettendo loro di ascoltare e capire dalle voci reali in cura.

    Il tuo contributo

    Vi invito a condividere il vostro racconto trovando il paese in cui vivete nel menu in alto. È possibile condividere un'esperienza in ogni storia. Si può condividere una storia o più storie. Le storie possono cambiare. Le storie possono essere selettive. Le storie possono essere una priorità. Le storie possono essere contradditorie. Questo è esattamente il motivo per cui contano: indicano ciò che è importante per qualcuno che le sta vivendo e aiutano a capirsi. Nel comprendere le storie delle persone sulla cura, capiamo come possiamo contribuire al loro miglioramento della vita con la cura.

    Chi siamo

    Il nostro team è composto da un gruppo di persone diverse, provenienti da sei diversi paesi. I nostri partner sono: Università di Barcellona, Università di Newcastle, Università di Durham, Leyden Academy on Vitality and Ageing, Università di Copenhagen, E-senior, Consorzio ARCA, Università Erasmus e Zilveren Kruis/ Achmea.

    In merito alle tue sorie

    Raccogliamo le tue storie attraversoSensemaker®. Attraverso un sito web disponibile in qualsiasi browser o app scaricabile sul tuo telefono, puoi condividere la tua storia scrivendola in una sezione aperta. Dopo questo, vi saranno poste diverse domande (chiuso e aperto). Le risposte a queste domande ci permettono di vedere i modelli nelle storie e per esempio rispondere a domande come: cosa conta per la gente in Spagna? Come hanno sperimentato la cura durante COVID-19? come è stato questo diverso per le persone nei Paesi Bassi o in Danimarca o in Italia? Come hanno fatto gli operatori sanitari, i pazienti o altri a sperimentare questo? Dopo aver dato un senso a questi modelli, possiamo usarlo per formare gli individui nella cura aiutandoli a capire e a lavorare con ciò che conta per coloro a cui teniamo.

  • Chi siamo noi?

    Consorzio Arca

    Monica Guizzardi

    Il Consorzio ARCA, consorzio per l'applicazione della ricerca e la creazione di aziende innovative, attivo dal 2003, è l'incubatore di imprese dell'Università degli Studi di Palermo, realizzato per promuovere ed assistere la nascita di iniziative imprenditoriali innovative.
    L'incubatore si trova all'interno del campus universitario di Palermo, ha una superficie complessiva di circa 1.500 mq e si articola attorno a un sistema di spazi comuni (coworking, cucina, living), moduli per le imprese, uffici dello staff, sale di incontro, aule di formazione e laboratori dedicati. Dal 2018 ARCA è stata selezionata da EIT Health quale RIS HUB per la Sicilia, con l'obiettivo di creare una rete regionale di stakeholders per la promozione delle politiche e delle misure poste in essere da EIT Health in tutta Europa.

  • Contatti

    Vorresti maggiori informazioni in merito al progetto? Puoi contattarci qui.

    ×
    Privacy Policy
    Our privacy policy details how we use your data. We use your browsing history for analytical purposes. We use your personal data only as part of our contact form to answer any requests you have in regard to our project. You can find more information and all details on our privacy policy in the About section of our website.